Identità

Cullando l’illusione di Me stesso
ho ascoltato il rumore dell’universo.
Echi lontani di risate immortali
ridicolizzano ogni certezza.

La vastità che mi sovrasta
mi getta in un tedio sublime.
Ogni coscienza è un universo:
luoghi morti.

Come passeggiando per i viali
di un cimitero, tra le lapidi vuote
di chi s’illudeva di Essere reale,
scorrendo la vita una pagina
per volta, sogno la menzogna
di Essere Me.

(di Igor Comunale)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...