Cigno Nero

155751v2Lei non conosceva la propria
bellezza, come il cigno nero al di là
dell’equatore la dava per scontata.

Dove camminava risuonava una
melodia, veleggiando attorno agli
ostacoli della vita.

La musica era il suo cuore, i suoi
passi una danza imperscrutabile
che incantava e atterriva.

Camminava con difficoltà perché
era stata fatta per librarsi tra le
nuvole, libera.

Apparve d’inverno e rimase
pensosa mentre gli occhi
scambiavano una misteriosa promessa.

E tutto appariva perfetto perché
quando guardi troppo a lungo la
Luna, ella entra dentro di te.

Di tanta meraviglia è intriso
l’universo, ma sopra ogni cosa
splende Lei.

(di Igor Comunale)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...